Categorie
partnership racconti racconti brevi

Dei

@didiluce ha scattato attimi che trovo di un’infinita serena intimità. La ringrazio per avermeli concessi. Ringrazio anche il Muso per il rischio preso!
Ho provato ad aggiungere il testo.

Buona visione e buona lettura!


Dei

Ti ricordi quando il mondo tra le mani era perfetto? Ancora piccolo, ma grandioso e alla nostra portata. Sfera che rifletteva sogni, vi si nutriva, e noi pure. Beati, lì, rapiti, a giocare agli Dei.

Fotografia di @didiluce photo blog

Poi abbiamo alzato lo sguardo, ricordi? Attirati finalmente dall’intorno. La natura ci ha soffocati di bellezza e il mondo si è schiacciato ai poli.

Fotografia di @didiluce photo blog

E poi noi. Sai. Ci siamo visti strani, per la prima volta. Senza capire abbiamo mescolato tutto, anche i nostri profili. E non c’è stata gioia più grande. E il mondo ha inclinato l’asse.

Fotografia di @didiluce photo blog

Ti ricordi poi come andò? Mi senti? Ricordi come andò poi?


MUSALOGIA?

Categorie
partnership racconti racconti brevi

E del mare?

Ho preso in prestito alcune fotografie di Ivanchiafotolab e ho aggiunto un testo.

Buona visione!


Autore delle fotografie: Ivanchiafotolab (dall’articolo Fotografia subacquea arte di illuminare colori sommersi.)

Autrice testo: endorsum

Fotografia subacquea arte di illuminare colori sommersi . — Ivanchiafotolab

– Hai visto lì?
– Una sfera in mano.
– Bellissima, è una sfera magica!
– Ma no, non è magica.
– È magica di sicuro, levita!
– Sì, forse hai ragione, qualcosa di magico ce l’ha.
– Te l’ho detto!
– Ma c’è anche un indizio scientifico, quella lente di ingrandimento indica l’analisi, il bisogno di capire.
– Indica miopia!
– Ma come? Distruggi così la mia interpretazione?
– Sei troppo materiale.
– Tu lo sei stato con la storia della miopia!.
– Scherzavo, ti prendevo in giro.
– E se ti dico che ci sono due murene in amore?
– Romanticismo, è chiaro!
– Romanticismo eh?
– Molto, moltissimo romanticismo.
– Potrebbe essere perfino un complimento.
– In compenso c’è un pesce Mago.
– Non credo proprio.
– Io quei colori li spiego solo con una volontà fantasiosa di darsi un tono.
– Sì, un tono sopra le righe: un pagliaccio.
– Ecco, dal romanticismo al dileggio, deciditi.
– E quello nascosto?
– Dirai che è timido.
– Lo dico sì. È timido.
– E io dico che aspetta solo di sferrare il suo attacco migliore!
– Non mi piace come sta andando, facciamo piazza pulita di tutto?
– Non ci penso proprio, alle mie opinioni ci tengo.
– E ho anche insistito per portarti qui oggi!
– Avrai voluto il mio parere.
– Magari la tua compagnia.
– Sì, può anche essere… come due farfalle allora?
– Sembrano proprio due farfalle.
– Siamo finalmente d’accordo.
– Sono stupende, non credi?
– Come noi?
– Noi un po’ meno.
– Non ti lasci mai prendere, come quella stella marina, anzi, lei si è lasciata prendere.
– Non gradirà la presa di sicuro.
– Sei così… così! Sei come quell’essere dagli occhi blu!
– E tu il solito merluzzo!
– Non so se è un merluzzo.
– Nemmeno io.
– Però felice che tu abbia insistito per portarmi.
– Lo sono anch’io.
– Pesce per cena?
– Facciamo gallinacei.

Categorie
partnership

Minimal — Manuel Chiacchiararelli

Nikon D750 / Nikon D500 / Obiettivo Tamron 150-600mm f5-6.3 / GoPro 7 Hero black / Gimbal Neewer / Rollei Tripod C6i Carbon + Rode VideoMicro

Minimal — Manuel Chiacchiararelli

Un’immagine asciutta, emblematica.
Iconica (non ci riesco…).

Questa volta la suggestione la esprimo per prima. (Eh, riuscirci!)

“… 23, 24, 25, 26…”

ECCALLÀ!

(Scusate, ma è più forte di me. Appena ho finito di contare posso pensare ad altro. Dopo però. Dopo.)

“… 27, 28, 29, 30…”

endorsum

Sogni silenti-
annoiati sui rami
complici corvi

ivano f

En ouvrant l’image sous le logiciel Paint
en zoomant et en tachant chaque oiseau
d’un gros point orange après comptage
j’ai comptabilisé exactement 200 oiseaux !

Certains oiseaux sont très difficiles à voir
et se confondent avec les branches
mais ils représentent moins de 10 oiseaux.

Faites-en l’expérience : vous serez étonné !
en comptant rapidement on a l’impression
qu’il n’y en a qu’une centaine.
En fait, il y en a beaucoup plus.
Impossible de les compter correctement
sans les marquer d’un repère.

IL Y A DEUX CENTS (200) OISEAUX !!!

Léo

Aprendo l’immagine in Paint
zoomare e colorare ogni uccello
con un grande punto arancione dopo il conteggio
Ho contato esattamente 200 uccelli!
Alcuni uccelli sono molto difficili da vedere
e si confondono con i rami
ma rappresentano meno di 10 uccelli.
Provatelo: sarete stupiti!
Se si conta velocemente, si ha l’impressione che
che ce ne sono solo un centinaio.
In effetti, ce ne sono molti altri.
È impossibile contarli correttamente
senza marcarli con un pennarello.
CI SONO DUECENTO (200) UCCELLI!!!
Tradotto con http://www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)

Ringrazio Manuel per averci permesso di giocare con la sua splendida immagine.


Musalogia?

Categorie
partnership

Il regno — Contino Gravantes (e le vostre e mie suggestioni)

Fotografia di Gravantes

Mentre osservavamo quella strana scultura simile ad un castello di ghiaccio, trovata nel bosco profondo, qualcosa o qualcuno sembrava osservarci.

Il regno — Contino Gravantes

A me fa venire in mente tantissime cose,
ma le ho zittite tutte,
attendendo le vostre opinioni.


Le vostre suggestioni…

Arcadio🌀Lume – carbonatazione… 😱

@draconide – La mia reazione? Madó che buio… mi si è scaricato il telefonino.. poi ho capito … avevo davanti il nulla totale dove pure mi ci specchiavo dentro! Riflesso della lampadina… mi ha permesso un varco .🤣 ho visto il nulla lo stesso… però che figata…

Tony Pastel – Quel qualcuno osservava che in media un castello di ghiaccio dura più di un castello di sabbia, purché non lo si costruisca sulla spiaggia, meglio in un bosco profondo.

unallegropessimista – non vedo niente.

ivano f – Mmm prova a tirarne fuori qualcuna tu, io zero proprio.

eleonorabergonti – Dunque, dunque, la mia reazione potrebbe essere… Chiamate i pompieri! C’è un edificio che sta andando a fuoco.
Ops, dimenticato un pezzo del commento che prosegue così: “Ah, no, scusate… c’è una festa e, come al solito, sono in ritardo”

buio dentro – diario di un abusato – Vedo un cristallo minerale, ma non frizzante.

Grazie a tutti! Arcadio🌀Lume, @draconide, Tony Pastel, unallegropessimista, ivano f, eleonorabergonti, buio dentro – diario di un abusato!!!


Aggiungo la mia.

Cri cri. Cri cri. Che strano cristallo notturno, rispondi al richiamo delle antiche gabbiette di vetro.

Ti sono inciampato addosso e non hai alzato un fiato. Che ti rompessi poco importava a uno come te e sei rimasto zitto.

Solo ora mi mostri la luce rifratta, solo al suono.
Ed io la seguo, riappoggiandoti al suolo.


Musalogia?

Categorie
partnership

Lunedì 4 Ottobre 2021 — Emanuele Cazzaniga

Ringrazio Emanuele Cazzaniga per avermi lasciato portare a casa queste fotografie darkissime! Illustrerebbero egregiamente qualsiasi racconto nero.

Buona visione!


Lunedì 4 Ottobre 2021

Piove a dirotto da stamattina; speriamo che l’acqua non faccia cadere tutte le foglie, altrimenti… addio ai colori autunnali! Non oso pensarci. Sei scatti serali con l’iPhone, convertiti in bianco e nero con Snapseed (diavolerie digitali…).

Lunedì 4 Ottobre 2021 — Emanuele Cazzaniga

MUSALOGIA!

Categorie
partnership

SOLO COSE BELLE

Questo grido di battaglia non è mio. L’ho preso in prestito da DANIELE PELUSO e mi serve per presentare ciò che ritengo essere un esempio di sensibilità artistica, di sensibilità umana e di sensibilità sinestetica (la capacità di far incontrare e dialogare stimoli percettivi provenienti da diversi organi di senso). Il tutto è opera di DANIELE. (Dimenticavo, Io tifo Sveva è una bellissima lampada di Aladino).

BUONA LETTURA


[Istantanea][Mente] – Affinché Tu Possa Vedere i Colori della Musica

daniele peluso photography fujifilm trieste instax square

Affinché tu possa vedere i colori della Musica.

Una nuova mostra personale.

La cartolina con Paul Stanley è dedicata alla memoria del Fotografo Alex Ruffini

Dopo quasi due anni dalla mia esperienza personale, torno in pista. In un anno sciagurato, certo, ma sempre per una buona causa.

Aprire una mostra personale in queste condizioni è una cosa che mai avevo nemmeno provato ad immaginare. Quel giorno, quella mail, tra capo e collo. Adrenalina. Pressione. Felicità. Un messaggio Whatsapp: ehi, guarda!

abbiamo inserito una tua mostra da allestire presso la mediateca della Cappella Underground di Trieste

Lessi la mail, con qualche difficoltà, un paio di volte. Una personale, tutta mia, in aggiunta alla mia opera che già è pronta per la collettiva. Te la senti? Hai qualcosa di pronto? Il tema è sempre lo stesso: Musica.

Ho qualcosa di pronto, pensai corrugando la fronte e lisciando tra le dita la mia folta, canuta barba. Ho qualcosa di pronto? Ho solo due Hard disk di foto di concerti di quando ero giovane e aitante, di quando una notte di follia non mi portava strascichi per quattro giorni, di quando vivevo per stare sotto a un palco. Con un occhio chiuso e uno aperto, senza tappi per le orecchie. Quando ero stupido…

Ho passato un tempo che non so definire, sotto quel palco, col cuore in gola, la macchina fotografica in mano e gli amici con la birra fresca ad aspettare fuori dal pit. Ho avuto l’onore di portare la fotografia “fatta bene” in quella che per anni è stata la mia seconda casa: Truemetal.it

Hai qualcosa sulla musica?

IO HO LA MUSICA.

Roberto De Micheli dei Rhapsody of Fire – cartolina firmata

Truemetal è stato più di una casa, è stato una famiglia. Una famiglia che mi ha accompagnato, dal 2009 ad oggi, lungo tutti i sentieri della mia vita, attraverso ogni singolo incrocio. Una famiglia che ha festeggiato assieme a me i miei successi, che mi è stata vicina nei miei tonfi, che è con me, sempre, ancora. Giorno dopo Giorno. Anche oggi.

10 fotografie, 10 mosaici Fuji.

Dal 13 al 27 novembre 2020, da lunedì a venerdì, dalle 14:00 alle 19:00.

A conclusione della mostra, le fotografie saranno messe all’asta sulla mia pagina Facebook è l’intero ricavato sarà devoluto all’Associazione IO TIFO SVEVA

Le immagini di questo post sono in realtà delle cartoline promozionali, numerate a mano. Se le vuoi, sai come trovarmi. E come averle.

A presto quindi: questo 2020 non mi fermerà. In nessuna maniera.

Affinché tu possa vedere i colori della musica.

È stata un’inaugurazione fuori dal comune, me ne rendo conto, quella di ieri sera. Presentare a parole una mostra fotografica è stata un’esperienza del tutto nuova, dovuta ai difficili momenti che stiamo vivendo.

Ciò nonostante Fotografia Zero Pixel ha deciso di non fermarsi, dando agli autori delle personali la possibilità di “inaugurare” la propria mostra in modo virtuale, potendone raccontare a parole, in attesa dell’allestimento che avverrà quando le condizioni sanitarie lo permetteranno.

Il video allegato è la risultante della chiacchierata con Massimiliano Muner, curatore della mia mostra (e amico di lunga data) e Marta Bassi dell’associazione #iotifosveva a cui saranno devoluti i proventi della vendita della mie immagini a mostra conclusa.

Un ringraziamento fatto con il cuore in mano a chi ha voluto supportarmi in questa nuova avventura e che avrebbe voluto esserci fisicamente, non solo con il pensiero, non solamente dietro uno schermo. È stato un dolore condiviso. Un pensiero speciale e un grazie per essere sempre il motore di ogni mia azione, di ogni mio piccolo pensiero.

SOLO COSE BELLE.