Categorie
Chi scrive Il Metodo X

Sintesi

Alcuni ventilano l’ipotesi che IL METODO non l’abbia scritto io.
Mi sta bene (TESI).
Non mi sta bene (ANTITESI).
SINTESI: non è importante.

Come insegna D.E. Westlake, si possono scrivere generi diversi con più pseudonimi (mi spiace Joanne, il tuo tentativo è fallito).

Ciò che importa è che la storia del romanzo IL METODO sia interamente contenuta in X, e nel suo sequel.

BENVENUTI NEL MIO MONDO!

FAOUZIA – You don’t even know me
I walk into a crowded room
Entro in una stanza affollata
Everybody staring
Tutti mi fissano
What did I, what did I do wrong?
Cosa ho fatto, cosa ho fatto di male?
What did I, what did I do wrong?
Cosa ho fatto, cosa ho fatto di male?
Oh, you see what you wanna see
Oh, tu guardi solo ciò che vuoi vedere
But you don’t even know me
Ma tu nemmeno mi conosci
What did I, what did I do now?
Cosa ho fatto, cosa ho fatto adesso?
What did I, what did I do now?
Cosa ho fatto, cosa ho fatto adesso?
You’re acting like you’re brilliant
Ti comporti come fossi sicuro
But you don’t know
Ma tu non sai
Yeah, you don’t know
Si, tu non sai
You don’t know a thing at all
Tu non sai nulla
You don’t know about the way I am when I am all alone
Tu non sai nulla riguardo a come sto quando sono sola
You don’t even know
Non sai nemmeno
Where I kept the way I’ve grown
Dove conservo come sono cresciuta
You don’t know about the way I love so deeply to my bones
Tu non sai proprio nulla riguardo al mio modo di amare così profondamente fino alle mie ossa
You don’t even know me
Tu non mi conosci nemmeno
Woah, woah
Woah, woah
I walk it off and brush away
L’ho superato e l’ho scartato
Everything you say
Tutto ciò che dici
‘Cause I don’t care, I don’t care
Perché non mi importa, non mi importa
I don’t
Non mi
I don’t care, I don’t care
Non mi importa, non mi importa
I don’t
Non mi
He said she said over it
Lui parlò, lei gli rispose a tono
You’re acting like you’re brilliant
Ti comporti come fossi sicuro
But you don’t know
Ma tu non sai
Yeah, you don’t know
Si, tu non sai
You don’t know a thing at all
Tu non sai nulla
You don’t know about the way I am when I am all alone
Tu non conosci come sto quando sono sola
You don’t even know
Non sai nemmeno
Where I kept the way I’ve grown
Dove conservo come sono cresciuta
You don’t know about the way I love so deeply to my bones
Tu non sai proprio nulla riguardo al mio modo di amare così profondamente fino alle mie ossa
You don’t even know me
Tu non mi conosci nemmeno
Woah
Woah
You don’t even know me
Tu non mi conosci nemmeno
Woah
You don’t even know
Tu proprio non conosci
You don’t know a thing at all
Tu non sai nulla
You don’t know about the way I am when I am all alone
Tu non conosci come sto quando sono sola
You don’t even know
Tu proprio non conosci
Where I kept the way I’ve grown
Dove conservo come sono cresciuta
You don’t know about the way I love so deeply to my bones
Tu non sai proprio nulla riguardo al mio modo di amare così profondamente fino alle mie ossa
You don’t even know me
Tu non mi conosci nemmeno
You don’t even know me
Tu nemmeno mi conosci
Oh
Oh

Writer(s): Nitzan Kaikov, Faouzia Ouihya Testo You Don’t Even Know Me powered by Musixmatch

Categorie
Chi scrive Il Metodo X

I miei romanzi

(immagine presa qui)

Come dissi un tempo, il blog nasce dalla volontà di cercare un editore per il mio romanzo X.

Poi mi son persa l’intento dedicandomi ad altro.
In questo altro c’è anche la scrittura e la sua evoluzione.
Scrivo in modo diverso e la tentazione di rimetter mano stilisticamente ai vecchi testi è fortissima, ma resisto: ogni opera è frutto del suo tempo e del mio personale contesto creativo.

(Ecco.)

Di romanzi ne ho scritti 3 e al 4° mancano 20 pagine.
X è il terzo.

Il primo e il secondo sono stati un’esplorazione di registri e voci narranti (femminile e maschile), esperienza che mi ha permesso di stendere un eterogeneo ma coerente X.

(Bene.)

Ho deciso di pubblicare qui il mio secondo. Tutto.

Si intitola IL METODO.

Il personaggio a cui do voce non è simpatico, ma nessuno dei miei personaggi lo è mai, sono inquietanti e complessi, ricchi di ambivalenze, trivalenze, quadrivalenze, conquistano sulla distanza.

L’ho scritto nel 2005 e lo si capisce dai riferimenti geo-politici.
Ricordo, qualcuno già lo sa, che soffro di una non diagnosticata e particolare sindrome di Cassandra.

(Fatto.)

Decisione presa. Domani si comincia.

Categorie
luoghi X X: circumnavigazione

Un anno! Il primo articolo

(Immagine da leitv.it qui)

È TRASCORSO UN ANNO DALL’APERTURA DEL BLOG!

INIZIAMO I FESTEGGIAMENTI CON IL PRIMO POST!

(“X” È UNO DEI MIEI 4 ROMANZI INEDITI E IL BLOG ERA NATO PER PRESENTARLO CON PEZZI NON INCLUSI NEL TESTO.)
Categorie
luoghi X

134 Km

Turm è una torre di pietra a pochi metri dall’acqua.

Ha un respiro baritonale e radici (umide di sepolture). Prima dell’aggiunta di altre forme in pianta, setaccia angosce al suo costruttore (e le monda).

Goetheanum è un grande cerchio sbocciato al sole.

Ha sfere che cantano e radici (solide sulla pirite). Prima di svanire nell’atmosfera densa, accoglie l’arte del suo costruttore (liberandola).

Certe distanze non hanno fiato. Altre hanno vento.

Categorie
essere X X

Ittiogenico

Ittiogenico. X si è appassionato al termine.

Così l’ho portato a veder pesci.

Storioni (e mi hanno regalato uova).

simon's gifs & images
X in acqua
(flow, immagine di simon da no gifs allowed)
Categorie
a proposito di X X: circumnavigazione

Attesa

Da troppo tempo non pubblico pezzi intorno a X.

Rimedio subito.


La porta dello studio è aperta. L’uomo di fiducia, passando sosta.

Dentro, il suo capo ha dita incrociate sul cranio e insegue cieco vecchie immagini incastrate al soffitto. Si volta verso l’interlocutore silenzioso e, con occhi appannati dal bianco e nero, informa:

«Dell’attesa so tutto.»

Dalla soglia giunge uno sguardo morbido di comprensione. Poi si abbassa e sposta.

Night and Day è un brano composto da Cole Porter nel 1932 per la commedia musicale Gay Divorce. Qui nella versione cinematografica Cerco il mio amore (1934), con Fred Astaire e Ginger Rogers.
Categorie
a proposito di dialoghi impliciti X X: circumnavigazione

Il cambio

Chiusa la porta, i due si scambiano convenevoli.

In salone.

Sulle scale.

In corridoio.

Solo nello studio il padrone di casa riesce ad avere la meglio sull’uomo di fiducia e lo proietta in aria. La caduta di schiena ha un suono poco compìto.

Sei caduto male. Ci fermiamo?

Sì.

Dove hai il cambio?

Nella borsa, giù, in salone.

Vado a prendertela io.

Categorie
essere X

Messaggio subliminale

X ringrazia chididovere per l’apporto alla campagna di promozione-stampa. (foto da qui)
Categorie
a proposito di X X: circumnavigazione

155 secondi

Quando la stempiatura si mostrò incipiente, decise di non combattere la battaglia. Vinse la guerra di rasoio.

Non ci volle molto per abituarsi all’immagine riflessa.

(Due minuti e 35 secondi.)

Categorie
a proposito di dialoghi impliciti X X: circumnavigazione

Carezze al pelo

Stefano, tu sei un giornalista di razza.

Non esagerare.

Dico davvero! Hai fiuto, intuito, la rara capacità di collegare i fatti e una grande conoscenza. Io sono solo piacente.

Non esagerare.

Dico davvero! Un bell’aspetto aiuta, sono in TV, non dico che sia male, ma per diventare qualcuno servono le tue doti. Tu farai strada, sono sincero. Uno della tua levatura è sempre un boccone prelibato e ambitissimo.

Non esagerare.

Dico davvero!

Ok, allora continua.

Categorie
essere X

Prove tecniche di trasmissione

In qualche modo X deve pur muoversi.
(Phaeodarea di bigblueboo)
Categorie
a proposito di X X: circumnavigazione

Giornalista televisivo

Un bel tipo. Sveglio. Non potrebbe essere altrimenti, l’ha invitato in trasmissione.

Stefano si lascia offrire un caffè dal collega. Gli studia le unghie curate, il taglio sartoriale dell’abito e finalmente riesce a dare un nome all’insieme: puttone ormonizzato.

Categorie
essere X

Problemi di trasmissione

L’auto di X ha dei problemi
(gif di Alessio De Vecchi)
Categorie
a proposito di X X: circumnavigazione

Puttone ormonizzato

Corti e morbidi ricci biondi. Occhi azzurri. Sorriso perfetto.

Elena osserva il puttone ormonizzato seduto di fronte a lei. Irritata dallo sguardo sicuro, cerca di andare a patti con la realtà: in effetti è sexy.

Categorie
a proposito di dialoghi impliciti X X: circumnavigazione

Vicino

Com’è l’appartamento?

Buono.

Ma ti piace?

Sì.

L’ho reputato adatto, vicino. Resti a cena?

Resto a cena.

Categorie
a proposito di X X: circumnavigazione

Un luogo sicuro

Il suo Capo, l’amico, un fratello?

È da anni ormai che lo assiste e ogni volta che vede quella testa perfettamente nuda si sente in un luogo sicuro.

Categorie
a proposito di X X: circumnavigazione

Gioventù

Ci sono generazioni protagoniste, quelle a rimorchio e quelle da fottere.

L’uomo di fiducia appartiene a quest’ultime e incarna la discreta dolenza di chi ha creduto al nulla e sa che la crisi sarà risolta da persone nuove. Il suo sguardo accarezza la gioventù, considerandola eroica.

Categorie
essere X

Antropomorfismo

prosthetic knowledge
X che balla
prosthetic knowledge (da qui)
Categorie
a proposito di X X: circumnavigazione

Giordano Bruno

Se Giordano Bruno avesse l’udito, si staccherebbe dal basamento per fuggire in altra piazza.

Stefano, sentendosi, non fatica ad attribuirgli l’intento.

Categorie
a proposito di dialoghi impliciti X X: circumnavigazione

Cin-cin!

Stefano! Razza di stronzo! Come stai?

Sai che non amo quella parola. Sto bene.

Allora? Quando mi offri da bere per la promozione?

Fai tu.

Ok, io ne ho 3 o 4 da festeggiare! Signorina, due bianchi!