Categorie
partnership

Una storia politicamente e religiosamente scorretta

I disegnini di Andrea + qualche foto

premere qui per accedere all’articolo, quindi, digitare la password (tutto maiuscolo): ANDREAM2016

Aggiungerei:

“Lasciate ogni speranza, voi ch’intrate

Categorie
partnership

Protetto: Una storia politicamente e religiosamente scorretta

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

Categorie
partnership

L’ultimo volo

ECCO L’ULTIMA CREAZIONE DI

QinAode!

Aldo Terminiello aka
Qin Aode 秦奥德
Credits

❤️ grazie a Daniel J. Burke per il proofreading della versione inglese

❤️ grazie a Mia Liu per l’immenso aiuto sulla versione cinese

❤️ e infine un grazie e una GIF a Kim, per avermi incoraggiato a finire questa storia e per aver fatto la traduzione in francese (anche il font che ho usato viene dalla sua calligrafia)

Font: Kim Old Hand (personalizzato)

Font della versione cinese: Hanyi Senty Journal

Software: Clip Studio Paint Ex

Tutte le foto usate per sfondi e effetti sono mie.

Categorie
Argomentario partnership

Gianesiniiiii!

– Chi urla?

– Io! La endorsum. Dove sei finito?

– Per verdi pascoli e a ogni passo saluto nutrie spuntate dal fosso.

– Eh?

– Cavalco un unicorno in raggiungimento dell’arcobaleno.

– Alessandro, ma hai chiuso il blog! E noi come faremo?

– Che ognuno insegua il proprio sogno.

– Ma Socio, stai gurizzando… (puntini di sospensione in tuo onore)

– Dici? Non importa, ho scoperto la vita… se è da guru…

– Ma… ma…

Mamma ma, mamma maria ma mamma ma, mamma maria ma…

– Ale, ci manchi già. Buona vitaaaa!

Categorie
partnership

Atlas-A

GIOCO DI RIMBALZO PER RIPROPORRE DAL SITO WORLDOFSPHAERA.COM L’OTTIMO RACCONTO DI MOONRAYLIGHT.
PARE NON SIA STATO SEMPLICE CONVINCERLA A SCRIVERLO… CHI VI È RIUSCITO HA TUTTA LA NOSTRA GRATITUDINE.
BUONA LETTURA!

Hades’ Star –Warp Lane Hub by GabrielBStiernstrom (deviantart)

“Ferma, devi restare assolutamente immobile.” il raggio bluastro era gelido più del ghiaccio e lei doveva sforzarsi di non contrarre i muscoli ad ogni passaggio.
“Ci siamo quasi, l’ultima scansione, poi è fatta.”
Per tutta la vita il suo difetto di fabbrica l’aveva emarginata.
Adesso quel difetto era diventato di interesse Ghe-politico, addirittura. Ironico, no?
Si strinse nelle braccia sfregando il maglione, per richiamare un po’ di calore nel corpo.
“Ecco qua” Gala le consegnò una lastra blu-violacea grande quanto una noce.
“Distruggerò tutto il macchinario e tu, tu non perderla e soprattutto non fartela fregare. Sai cosa…”
“Si lo so, lo so benissimo.” rispose Khary in tono sbrigativo.
“Domani verso l’ora di pranzo.”
“Ok.”
Khary si tirò su il cappuccio e corse veloce sotto la pioggia, saltò al volo sulla navetta e scese con un balzo dieci minuti dopo, senza mai alzare lo sguardo.
Soffiò nella toppa, la porta si aprì e appena entrata i vestiti scivolarono sul pavimento. Una bella doccia calda, sì!
Mentre si asciugava indugiò con lo sguardo sul riflesso nello specchio.
Quando era stata l’ultima volta che si era guardata? E quando si era veramente vista?
Gli occhi seguirono le chiazze verdastre che disseminavano il suo corpo in un ricamo senza senso.
Quanto dolore, quanta solitudine a causa loro. Eppure, erano un dono, un dono scoperto tardi e che forse avrebbe preferito non scoprire mai.
Seguendo le chiazze sul corpo di Khary con quel puntatore glaciale, si otteneva la mappa tridimensionale dell’accesso X-J che conduceva al portale di Atlas-A: l’origine di tutto, e dove tutto avrebbe avuto fine.
Ad Atlas-A si generava il Destino dei Mondi: ecco perché nessuno doveva sapere dove fosse.
Gala aveva rivelato a Khary delle sue nobili origini Atlassiane e del suo ripudio, quando fu profetizzato che la bambina greenspot avrebbe aiutato i Mondi e cambiato per sempre il Sacro Finale.
Da allora la sua vita ed il suo destino erano cambiati completamente.

L’orologio scoccò mezzogiorno. Gala era già lì, in attesa. Giocherellava con i capelli fingendo di guardare i mosaici, per non dare nell’occhio.
“Eccomi, scusa ma stavolta non è stato facile seminarli.”
“Le spie di Mahov sono sempre più scaltre, ma noi lo siamo di più Greeenspot, puoi esserne certa.”
Salirono sulla navicella, Gala fece cenno e Khary inserì la lastra.
Si sentì un forte tremore, poi un sibilo ed ecco: davanti a loro l’imponente cascata di Thalyeniyt, lo sbarramento del portale di Atlas-A.
Si stavano ancora stabilizzando quando il lobo sinistro di Khary si illuminò.
“Klod? Ma come…”
“Lo sai che ti sento sempre arrivare molto prima del salto lungo le greenlines, sciocchina.”
“Sì, lo so, ma ne resto ancora stupita, ogni volta.”
“Avanti, vi ho liberato il canale.”
La navicella scivolò via veloce e alla fine del canale rallentò la corsa, per atterrare dolcemente su di un prato cremisi.
Khary premette il pulsante di apertura e la porta si scostò di lato. Klod era lì, la guardò. E sorrise.
Scese le scalette in un lampo e gli corse incontro.
“Khary, lo sai.” tuono’ Gala dalla navicella.
“Sì, lo so, lo so molto meglio di te.”
Klod estrasse una tessera dalla tasca “Ecco, questo è quanto hanno deciso per i prossimi tre mesi riguardo B-Nyja, Y-Ka e Epsylon-S.”
“Oddio, no! Io… Cavolo, stavolta non so se riuscirò a mutare i flussi.”
“Lo so, gli investimenti sul potenziamento delle Determinazioni hanno dato risultati notevoli. Ma tu sei più tosta di qualsiasi scienziato, perche’ tu hai il Dono.”
“Klod…”
“Shhh. Ce la puoi fare e ce la farai, io lo so.”
“Sbrigatevi: tre minuti.”  Gala controllava l’orologio picchiettando il piede contro la scaletta.
Khary cinse Klod in un profondo, avvolgente abbraccio. Lui sfiorò la chiazza verde che le tagliava trasversalmente il viso e lei si ritrasse cercando di sottrarsi al suo tocco.
“Perché? Lo sai che a me piaci così come sei. Così sei tu e tu soltanto.”
“Lo sai che adesso siamo già a tre minuti? Lo sai che se resti a contatto con me e le mie chiazze oltre tre minuti, morirai?”
“Lo so. Tu invece sembra non lo sappia.”
“Che cosa?”
“Che non mi importa.”
“Folle, sei uno stupido folle!”
“Ascolta, ragazzina…”
“Khary!” Gala lanciò un urlo di terrore.

00:03:01

moonraylight

Categorie
partnership

Quindi poi è andato tutto bene?

LA DOMANDA È INTERESSANTE. RIPUBBLICO UN ARTICOLO DI ANDREA ROCCIOLETTI PER FARLA RIMBALZARE


Quindi poi è andato tutto bene?
So then everything went well?
Alors tout s’est bien passé?
Urban art, 2020.

“L’arte dovrebbe fare luce
sul carattere vulnerabile e interconnesso
di ogni cosa.”
– Cyprien Gaillard.

Roccioleti - Quindi poi è andato tutto bene? 1
Quindi poi è andato tutto bene? n.1
Roccioleti - Quindi poi è andato tutto bene? 2
Quindi poi è andato tutto bene? n.1

“E’ il trionfo del tempo vuoto. Svuotate le città e svuotati noi, senza più impegni improrogabili, incombenze incalzanti, faccende da sbrigare, costretti ad un romitaggio che non avevamo cercato e che sgomenta. Homo solitarius aut deus aut bestia. Aristotele. Ma non aspiravamo a tanto. Ci saremmo accontentati di trascinarci nelle nostre esistenze mediocri, contrassegnate da piccoli egoismi quotidiani, dalla meschinità di qualche cosiddetta buona azione compiuta senza sforzo, bagatelle per mettere a posto la coscienza. Ci sarebbe bastato andare avanti con le misere gioie di possedere qualcosa che ci qualificasse e in cui identificarci: una casa, un abito, un’auto, un cellulare – un amore, perfino. E sempre pronti, poi, a buttare via senza indugio il vecchio per il nuovo, in una rincorsa spasmodica verso un di più, un ancora che non ci avrebbe saziato mai.”
– Lorella Pagnucco Salvemini, ArteIn n3. maggio/giugno 2020.

Roccioleti - Quindi poi è andato tutto bene? 3
Quindi poi è andato tutto bene? n.2
Roccioleti - Quindi poi è andato tutto bene? 4
Quindi poi è andato tutto bene? n.2
M.Donner Manuale di autodistruzione Saggiatore
M.Donner, Manuale di autodistruzione, Saggiatore.
Roccioleti - Quindi poi è andato tutto bene? 5
Quindi poi è andato tutto bene? n.3
Roccioleti - Quindi poi è andato tutto bene? 6
Quindi poi è andato tutto bene? n.3
A.Emo In principio era l'immagine Bompiani
A.Emo, In principio era l’immagine, Bompiani.

——-

Work in progress

Work in progress 1
Work in progress 2

——-

Non so disegnare.

Roccioletti - non so disegnare 1
Roccioletti - non so disegnare 2
Roccioletti - non so disegnare 3

——-

S.Sontag La coscienza imbrigliata al corpo Nottetempo
S.Sontag, La coscienza imbrigliata al corpo, Nottetempo.

——-

Forma e contenuto.
Reloaded art: 9 feb 2020.

Ho preso un abbaglio.
Reloaded art: 10 feb 2020.

Movimento per violino.
Reloaded art: 20 mar 2020.

——-

Letture consigliate

R.Barilli, Tra presenza e assenza, Mimesis
E.M.Di Palma, G.Pagliasso, Il nuovo mondo estetico, Marco Valerio.
S.Vaccaro, Eterotopie anarchiche, Elèuthera
C.Demaria, “Teorie di genere”, Bompiani
E.Illouz, “La fine dell’amore”, Codice
D.Serafini, “Schiavi elettrici”, People
AA.VV, “Rimediare, ri-mediare”, Franco Angeli
P.Benanti, “Digital age”, SanPaolo
D.Rushkoff, “Team Human”, Ledizioni.
P.Godani, “Tratti”, Ponte alle Grazie
J.Guerra, “Il corpo elettrico”, Tlon
C.Demaria, Teorie di genere, Bompiani

——-

N3ÜRØ – ERROR-[404]

——-

Categorie
partnership

Rudimenti

Mi accodo come il nuovo vagone al traino e propongo una poesia bella.

Di Erin.

Il suo sito è Grianainech e io l’andrò a trovare spesso.

Poco sotto, poiché la poesia l’ho fatta un po’ mia, ho scritto una risposta ideale.


Rudimenti

Porgimi la punta della lingua,

le parole riarse delle risaie 

allagate, aperte al trapianto, e

quelle strisciate sul palato 

dei bambini che si rincorrono 

con un’oscura gaiezza

sulle mulattiere che 

costeggiano i graduali 

terrazzamenti, rudimenti

verso il cielo.

Il linguaggio funereo del 

fato sputa costantemente 

i tentativi di sciogliere 

le tue strade intricate e

ustionare la curiosa

irruenza che si porta

appresso un lenzuolo sfatto.

Si aggrappa con 

morsa premurosa alla 

celia della vita, si reca 

addosso la carie del 

quotidiano e la grana di 

zucchero che aspetta

di schiudersi in un 

lieve gemito 

di verità.


Ecco, poichè io ci ho visto anche una serie di domande (ognuno interpreta le liriche a proprio uso e consumo), se qualcuno dovesse pormele io risponderei così.

Sguardo fisso

in volta

veloce

di sorpresa l’immobile affanno.

Categorie
partnership

La (Co)Vidina Commedia Pt. II

Salvador Dalì – una delle tavole dedicate all’Inferno di Dante

È vero, in questi giorni ho lasciato che la realtà facesse prepotentemente il suo ingresso nel blog. Non capiterà più, giurin giurello (smaciuck! smaciuck!)

Per rimettermi sulla retta via ho chiesto aiuto a Il Pensator Cortese e lo ringrazio per ciò che segue. (La sua poesia proviene da qui.)

Buona lettura!


Non avendo ricevuto denunce a seguito della pubblicazione della prima parte (che potete trovare QUI), ho ben pensato di lasciare ai posteri anche la seconda parte di questo… questa… non saprei come definirlo/a. Va beh, mentre mi organizzo per indire un concorso dedicato, eccovi il seguito:

Nel mese più piccin, guai ad ogni giorni
Antartide si coce a gradi venti
Che sembra siano stati accesi i forni

O al frigidario aperti li battenti.
Racconto poi in dover di esser onesto
Novella che ancor ci lascia sgomenti

De’ giocator che manda un’orbe al cesto
Recando seco il proprio angelo in dote
Mancati a questa vita troppo presto

“Vuolsi così colà dove si puote
Ciò che si vuole”, scrisse un letterato.
Leggi divine che a me paion vuote

Nascondono in seno significato
Ch’al mortal non giunge se non in fine
Al calar del percorso erto e clinato.

Ed ecco, come spina tra le spine
Si affaccia allo pianeta quatto quatto
Tra mari, monti, pianure e colline

Si crede arrivi dal volante ratto
Nefasto morbo ha viso e ali di uccello
Di sua presenza non gioviamo affatto

Impone a tutti quanti al volto un vello
E mani in soluzione che ti ustiona
Ei vaga fiero, re senza castello

Vestito solo della sua corona
Porta nel grembo amara condizione:
Distantia ogni essere da altra persona

Financo li parenti han ristrizione
Ho scusa almen per non li avere attorno
Qual triste premio per consolazione.

La mente ora già viaggia in sul ritorno
Sognando la mi’ amata e la sua pelle
Così poscia verrà di nuovo il giorno

Cui usciremo a riveder le stelle.

D 😁


ANDARE A TROVARE J È ALTAMENTE CONSIGLIATO, DIVERSE VOLTE ALLA SETTIMANA

Categorie
partnership

Interlocuzione

SEGNALO LA PRESENZA DEL RACCONTO “REGALO

SU WORLD OF SPHAERA!

In attesa del prossimo articolo lascio qui la musica del momento

(le nuove generazioni mi fanno impazzire!)

Ludwig van Beethoven – Moonlight Sonata ( 3rd Movement ) Tina S Cover

E questa è la musica di qualche momento dopo

Be’, con questi Signori l’unica è lasciarsi ondeggiare, il resto vien da sé.
(Love is a real train · Tangerine Dream)
Categorie
partnership

QinAode

È con gran piacere che ospito questa pagina di QinAode

Diario Cinese – Marzo (5)

aldoterDiario Cinese Apr 2, 2020 1 Minute

pag 17pag 18pag 19pag 20pag 21

Nuove pagine il venerdì… se è il prossimo o quello dopo, ancora non lo so!
COLLEZIONE SPOILER, WORK IN PROGRESS E IMMAGINI “ANIMATE”!