Categorie
partnership racconti racconti a puntate

Story-Lenny 6

Story-Lenny (cliccando vi sono alcune informazioni in più) è un gioco di trame.

Si può giocare in diversi modi:

  1. Contributi interni alla singola puntata (comunque autoconclusiva);
  2. contributi di stravolgimento della trama complessiva;
  3. contributi esterni a piacere.

I MATERIALI (in caso di bisogno):

(IN FONDO AL RACCONTO È PRESENTE IL RIASSUNTO DELLA PUNTATA AGGIORNATO)


Poi ci sono i super supporti hard e diversamentehard alla trama, i divertenti Extra-Lenny 1 e Extra-Lenny 2 (entrambi di Andream2016) e Extra-Lenny 3 (di Sara Provasi) – (Grazie!)

Per chi vuol cercare il pelo nell’uovo ammetto che sì, camuffate vi sono alcune pubblicità occulte… trovatele se ne siete capaci!
Ringrazio tutti coloro che stanno partecipando e chi avrà voglia di buttarsi. Buon divertimento!

Lenny???

(foto da 123rf.com)

Vino. Quale sorso sia non è dato sapere, ma sta muovendo verso il compimento dell’opera calda. I gesti si sciolgono e le lingue libere improvvisano argomenti a un solo scopo. Il bicchiere rimane tra labbra e mani come ultima difesa, il suo appoggio sarà incondizionata arresa all’assalto. Chi dei due avvicinerà la pelle non è stabilito, ma si sa che sarà lì, sul divano, il terreno di battaglia.

Basta, non mi dicono niente questi due. Non ci faccio nulla qui. Mi manca Cara.

Lo so cosa ha fatto l’altra sera. L’ho capito annusando l’aria quando mi è passata accanto. Ci sono rimasto troppo male. Non che lei non possa, ci mancherebbe, ma il sotterfugio, la menzogna, l’abbindolarmi con l’idea del bondage… ma quale bondage e bondage, tirava su Lenny dalla finestra!

Cosa stanno combinando questi due? Ah, siamo già al mani ovunque. Buon per loro.

Dovevo pur allontanarmi, ristabilire le distanze, il controllo e lasciarla alle sue priorità. Sì, ha delle priorità che non mi contemplano… e chi se ne frega!

La porta si apre piano. Cara entra in casa. Seguita da uno sconosciuto? Ridono. Scherzano. Si tolgono le scarpe lasciandole dove capita. Presto si sistemano sul divano. Si piacciono, non c’è dubbio. Non c’è dubbio.

Ma dove l’hai pescato questo Cara? Ah, vero…

endorsum (22:21 – 8/11/2020)

Cara voleva cambiare il divano, è entrata nel negozio di Ottomana e Ottomana (o era Canapè e Canapè, Dormeuse e Dormeuse?) e si è comprata il divano nuovo col commesso al seguito.

Nonna Pitilla (21:24 – 8/11/2020)

Cara! Per cortesia, no eh!

La ragazza mostra al giovane e aitante uomo la sua posizione preferita sul divano: a gambe in su. Lui divertito la imita. La sintonia si trasmette vibrante ed esplode in un’allegria contagiosa. Contagia anche me…

Cara si sente per la prima volta libera come non mai, e quel ragazzo è così sexy… Non riusciva a togliergli gli occhi di dosso. Pur essendo praticamente sconosciuti, sentiva che una alchimia li univa, fatta di parole, gesti, risate e giochi insieme su quel divano corto ma allo stesso tempo capiente per farceli stare entrambi.

Cara è felice e sembra che nulla possa turbarle questa sua tranquillità, quando all’improvviso ecco il citofono.

Adriano (22:05 – 8/11/2020 – 1°parte)

dling-dlong!

– Chi sarà a quest’ora?

Vai un po’ a vedere, Cara.

Si raddriza sulla seduta e corre al citofono inciampando in un scarpa da ginnastica.

La sua mente ritorna alla realtà e un brivido freddo le corre lungo la schiena insieme ad un solo pensiero fatto di presentimento: “Cazzo, Lenny?”.

Se lo sentiva che era lui, ne aveva la certezza assoluta. Che cosa voleva e cosa ci faceva lì? L’angoscia era tale da dimenticarsi pure del Narratore, vero architetto della sua vita.

Va a prendere la cornetta del citofono e sente un respiro. Il respiro di chi ha capito tutto.

Adriano (22:05 – 8/11/2020 – 2°parte)

– Chi è? Lenny??? (stronzo…)

Eh eh eh! Io il Narratore, tu il personaggio.


RIEPILOGO AGGIORNATO DEL CAPITOLO

  1. Il Narratore è in un’altra casa davanti a due che amoreggiano.
  2. Gli manca Cara, ma si sente offeso dal suo atteggiamento.
  3. Il Narratore torna nell’appartamento di Cara e la trova con un altro giovane uomo in felice sintonia giocosa.
  4. Cara ha portato a casa, con il divano nuovo, il commesso.
  5. Il Narratore non condivide e inserisce Lenny a rovinare la festa a Cara, facendolo presentare al citofono.

69 risposte su “Story-Lenny 6”

Cara si sente per la prima volta libera come non mai, e quel ragazzo è così sexy… Non riusciva a togliergli gli occhi di dosso. Pur essendo praticamente sconosciuti, sentiva che una alchimia li univa, fatta di parole, gesti, risate e giochi insieme su quel divano corto ma allo stesso tempo capiente per farceli stare entrambi.

Cara è felice e sembra che nulla possa turbarle questa sua tranquillità, quando all’improvviso ecco il citofono.

La sua mente ritorna alla realtà e un brivido freddo le corre lungo la schiena insieme ad un solo pensiero fatto di presentimento: “Cazzo, Lenny?”.

Se lo sentiva che era lui, ne aveva la certezza assoluta. Che cosa voleva e cosa ci faceva lì? L’angoscia era tale da dimenticarsi pure del Narratore, vero architetto della sua vita.

Va a prendere la cornetta del citono e sente un respiro. Il respiro di chi ha capito tutto.

Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.