Categorie
partnership racconti racconti a puntate

Story-Lenny 1

We Can Do It!, poster di J. Howard Miller del 1943 ispirato a Rosie the Riveter

PRIMA FASE: un intervento a capitolo per ciascuno (attaccandolo dove pare e piace)

C’È UN RIEPILOGO IN FONDO AL TESTO

Lenny?

– Lenny?

Non c’è, cara.

– E tu chi sei?

Il Narratore.

– È uno scherzo? Lenny?

Non è uno scherzo, cara.

– Ma quale cara e cara, io non mi chiamo “cara”. Lenny? Dove sei finito?

Non c’è.

Cara smette di girare per la stanza e inizia a fissare gli angoli del soffitto.

– Da dove viene la voce? Ci sono delle telecamere?

No.

– Palle.

Io non mento mai, cara.

– La smetti? Lenny!

Cara è indecisa se cercare l’uomo o apparecchiature tecnologiche. Toglie il cellulare dalla borsa e avvia una chiamata.

– Lenny, santo cielo, rispondi… ciao Lenny, sono io, sono nel tuo appartamento, la porta era aperta, dove sei finito? Ti aspetto qui per una decina di minuti, poi vado, ciao. – Biiiiit

Non ci crederai…a cosa non dovrei credere…vado al solito ristorante, qualche sera fa e chi ti vedo?…eh, chi ti vedi?…Lenny, o forse era Cara: metto gli occhiali e…ed è proprio Lenny che si rivolge a me e mi fa: “E tu?”…tu cosa?…appunto gli chiedo: “Io cosa, Lenny?!”…temevo una brusca reazione invece mi dice di fargliela leggere…scusa, ma lui sa che scrivi?…beh, sì, non bene come Prévert, ma meglio di Catalano Guido…ah, quello che fa il comico?…eh…Lenny mi dice: ma quella lì l’hai vista?…è da quando è arrivata che sa di avere una calza slacciata, ma non si decide…non si decide a fare cosa?…oh, all’improvviso Lenny si alza, va dalla tipa e le dice: “Sono troppo indiscreto se faccio io, la vedo così imbarazzata, anche se devo dire che non c’è niente di più sensuale di quelle pieghette, altro che “…scarpa col tacco a spillo persa in strada…”, come diceva Baricco in City, a p. 61. Lui diceva altro per la verità, ma non faccio la citazione perché endorsum poi si annoia…”. E la tipa: “Chi sarebbe endorsum?” “Vede là quel tipo”, e indica me, “…ecco si è immedesimato in endorsum, una che dice che lei e le poesie, naaaaaaaaaaaaaaa, niente, e poi mette giù così, stia a sentire: Si aspetta una poesia col nome di donna/E non importa che si chiami Amal, Huda o Lamya/Si aspetta una canzone e non sa nemmeno cantare/Non sa che sia musica eppure la vede/Da me si aspetta una donna colorata/Una donna scura/Come i capelli che porto/E lunghi, ma lunghi che il pari non esiste/Da me si aspetta tutto/Labbra, caviglie, unghie rosse e vita senza ritegno/Da me si aspetta che “io sia il mare e tutti i suoi pesci”/Come scrisse la Donna di Jenin/Da me si aspetta che lo faccia sentire uomo/Uomo e basta/Uomo e basta è tutto per un uomo” La tipa: “E il titolo?” “Da me si aspetta tutto…va da sé che, io…mi perdoni, non mi sono presentato: io sono Lenny, quello che da lei si aspetta tutto. È a quel punto che la donna si alza la gonna e dice: “Faccia pure”…calma, eh, Lenny si limita ad allacciarle la calza al gancio…un vero gentiluomo questo Lenny..già ma…ma Cara? Boh, cioè, circa, credo, non so, mi pare che…che cosa?…eh, però direi che…

Bruno Navoni (18:11 15/10/2020)

Non verrà, cara.

– Come sarebbe a dire? E cosa ne sai tu?

Sono il Narratore, io so tutto.

– E ‘sti cazzi?

Ah! Ah! Ah! Sei simpatica.

– Ma vaffanculo!

Cara, non essere volgare.

– Senti non so chi sei e non sai chi sono, non potremmo finirla qui?

No, non potremmo, devo finire il racconto.

– E che devi raccontare? Di come mi muovo in un appartamento cercando chi non c’è?

Anche.

– Frustrato!

Non offendere.

– Cioè, fammi capire, io sarei un tuo “personaggio”?

Esattamente.

– E mi farai fare ciò che credi?

Per esempio.

– No! No caro!

Cara parla voltando alternativamente il capo a destra e a sinistra (con un piglio singolare, in effetti).

– Stai parlando di me?

E di chi altrimenti?

– Non mi piace.

Non ha importanza.

– Stronzo!

Attenta…

– È una minaccia?

Non amo definirla in questo modo.

– Ah! Sei clemente con te stesso!

Se mi garba, lo sono.

– Ma che gran pezzo di merda! Senti un po’ onnipresente e onnisciente, se esco da qui continuerai a rompermi i cosiddetti?

Non ho ancora deciso.

– Allora, se non dico parolacce da scaricatore di porto, mi lasci uscire da qui senza seguirmi?

Mi stai proponendo un patto?

– Figliodiputtanarompicoglionimaledetto!

Su cara, non ti donano, davvero, non ne esci bene.

– Imbecillepuzzolentenanomalefico!

Oh, andrai avanti per molto?

– Scemostupidopezzentecialtrone!

Non sei carina, per niente.

– Facciadimerdastercoschifoso!

Ok. Si può fare.

– Ciao.

Cara esce dalla porta. Con un sorriso.

– Finalmente…

Cara sospira di sollievo appena esce dall’abitazione di Lenny.

– Spero che ora quel narratore mi lasci in pace…non ne posso più!

Prende il telefono dalla borsa dopo aver udito il suono ripetuto di alcune notifiche.

– Deve essere Lenny.

Le sue labbra si piegano in un sorriso colmo di gioia, svanito immediatamente alla vista del numero sconosciuto.

Diffidente, apre la chat WhatsApp e vede una serie di messaggi, un dialogo fra amici che parlano proprio di Lenny e di una donna.

– Chi accidenti sono questi, cosa stanno dicendo??? No…non è possibile…Lenny non può…

Le mani le tremano per l’agitazione e velocemente risponde allo sconosciuto.

– ”Chi sei? Chi ti ha dato il mio numero?”

La risposta non tarda ad arrivare.

” Sono un amico di Lenny, ho preso il tuo numero dal suo telefono quando lui l’altro ieri, l’ha dimenticato a casa mia. Scusa se mi permetto di scriverti, ma volevo che tu sapessi ciò che è accaduto, lui non è ciò che sembra, tienilo bene a mente.”

Cara gli invia messaggi in continuazione, pretende una spiegazione più chiara, ma l’uomo, probabilmente, ha già bloccato il numero.

È confusa, piange disperatamente come non le era più successo da tempo né mai con tale disperazione come in quel momento, tutte le sue illusioni le sono crollate addosso in pochi minuti come un macigno.

Te l’avevo detto che non sarebbe venuto…ahah.

– Ti avevo detto di non seguirmi! Vattene via, non voglio ascoltarti, mi fai schifo!!!

Le tue minacce sono inutili, mia cara.

– Taci stronzo!

Non te ne sei accorta, ma io ero lì nel momento in cui hai ricevuto quei messaggi, ho visto tutto, non pensare di farmi fuori con qualche parola volgare, con me non attacca, sai?

– Esci fuori dalla mia vita!

Sei così bella quando dai sfogo alle tue forti emozioni, anche la rabbia e la tristezza rendono ammaliante il tuo viso, le tue labbra tremanti poi…

– Quanto vorrei…

Cara, è inutile che stringi il pugno, non puoi colpirmi.

– Ti offenderò fino a quando sarai costretto ad andartene! Non hai capito che ti odio?! Mi stai rovinando la vita!

Ah, si? Io? Casomai è qualcun’altro che ti sta rovinando la vita, apri gli occhi una buona volta.

– Non permetterti mai più di nominare Lenny!

Decido io cosa fare.

– No! tu non decidi niente, ora basta con le tue intromissioni!

Sono il tuo narratore, non insistere!

– Abbassa la voce altrimenti…

Dei passi decisi avanzano verso Cara costringendola a voltarsi.

Yleniaely (21:50 15/10/2020)

RIEPILOGO AGGIORNATO DEL CAPITOLO

  1. Cara cerca Lenny nel suo appartamento; il Narratore interloquisce dandolo per assente; Cara non gli crede e lo cerca al telefono.
  2. In un altro luogo il personaggio A e il personaggio B discutono; A dice a B di avere incontrato Lenny al ristorante in atteggiamento galante verso un’altra donna; B chiede di Cara e la risposta di A è vaga.
  3. Cara è alle prese con il Narratore deciso a pedinarla nel suo girovagar per casa.
  4. Scocciata, Cara ricorre a uno stratagemma verbale per liberarsi del Narratore.
  5. Appena fuori dall’appartamento Cara si accorge di essere ancora importunata dal Narratore, che cerca di metterla in guardia su Lenny (e non rinuncia ai privilegi del proprio ruolo). Rumor di passi in avvicinamento.

73 risposte su “Story-Lenny 1”

Non ci crederai…a cosa non dovrei credere…vado al solito ristorante, qualche sera fa e chi ti vedo?…eh, chi ti vedi?…Lenny, o forse era Cara: metto gli occhiali e…ed è proprio Lenny che si rivolge a me e mi fa: “E tu?”…tu cosa?…appunto gli chiedo: “Io cosa, Lenny?!”…temevo una brusca reazione invece mi dice di fargliela leggere…scusa, ma lui sa che scrivi?…beh, sì, non bene come Prévert, ma meglio di Catalano Guido…ah, quello che fa il comico?…eh…Lenny mi dice: ma quella lì l’hai vista?…è da quando è arrivata che sa di avere una calza slacciata, ma non si decide…non si decide a fare cosa?…oh, all’improvviso Lenny si alza, va dalla tipa e le dice: “Sono troppo indiscreto se faccio io, la vedo così imbarazzata, anche se devo dire che non c’è niente di più sensuale di quelle pieghette, altro che “…scarpa col tacco a spillo persa in strada…”, come diceva Baricco in City, a p. 61. Lui diceva altro per la verità, ma non faccio la citazione perché endorsum poi si annoia…”. E la tipa: “Chi sarebbe endorsum?” “Vede là quel tipo”, e indica me, “…ecco si è immedesimato in endorsum, una che dice che lei e le poesie, naaaaaaaaaaaaaaa, niente, e poi mette giù così, stia a sentire: Si aspetta una poesia col nome di donna/E non importa che si chiami Amal, Huda o Lamya/Si aspetta una canzone e non sa nemmeno cantare/Non sa che sia musica eppure la vede/Da me si aspetta una donna colorata/Una donna scura/Come i capelli che porto/E lunghi, ma lunghi che il pari non esiste/Da me si aspetta tutto/Labbra, caviglie, unghie rosse e vita senza ritegno/Da me si aspetta che “io sia il mare e tutti i suoi pesci”/Come scrisse la Donna di Jenin/Da me si aspetta che lo faccia sentire uomo/Uomo e basta/Uomo e basta è tutto per un uomo”
La tipa: “E il titolo?” “Da me si aspetta tutto…va da sé che, io…mi perdoni, non mi sono presentato: io sono Lenny, quello che da lei si aspetta tutto. È a quel punto che la donna si alza la gonna e dice: “Faccia pure”…calma, eh, Lenny si limita ad allacciarle la calza al gancio…un vero gentiluomo questo Lenny..già ma…ma Cara? Boh, cioè, circa, credo, non so, mi pare che…che cosa?…eh, però direi che…

Piace a 1 persona

Anche dopo il Biiiiit…un’opera aperta, poi ci penserà il Narratore, la Narratrice, Lenny, Cara a…fare che? Boh, a fare. Oppure uno che arriva e chiede: “E se vi dico la mia?” E poi scappa perché inizia il Tg3, come faccio io…non so che cazzo c’entri, ma davvero vado a sentire quella roba lì…

Piace a 1 persona

Finalmente…

Cara sospira di sollievo appena esce dall’abitazione di Lenny.

Spero che ora quel narratore mi lasci in pace…non ne posso più!

Prende il telefono dalla borsa dopo aver udito il suono ripetuto di alcune notifiche.

Deve essere Lenny.

le sue labbra si piegano in un sorriso colmo di gioia, svanito immediatamente alla vista del numero sconosciuto.

Diffidente, apre la chat WhatsApp e vede una serie di messaggi, un dialogo fra amici che parlano proprio di Lenny e di una donna.

Chi accidenti sono questi, cosa stanno dicendo??? No…non è possibile…Lenny non può…

Le mani le tremano per l’agitazione e velocemente risponde allo sconosciuto.

” Chi sei? Chi ti ha dato il mio numero?” 

La risposta non tarda ad arrivare.

” Sono un amico di Lenny, ho preso il tuo numero dal suo telefono quando lui l’altro ieri, l’ha dimenticato a casa mia. Scusa se mi permetto di scriverti, ma volevo che tu sapessi ciò che è accaduto, lui non è ciò che sembra, tienilo bene a mente.

Cara gli invia messaggi in continuazione, pretende una spiegazione più chiara, ma l’uomo, probabilmente, ha già bloccato il numero.

È confusa, piange disperatamente come non le era più successo da tempo né mai con tale disperazione come in quel momento, tutte le sue illusioni le sono crollate addosso in pochi minuti come un macigno.

Te l’avevo detto che non sarebbe venuto…ahah.

Ti avevo detto di non seguirmi! Vattene via, non voglio ascoltarti, mi fai schifo!!!

Le tue minacce sono inutili, mia cara.

Taci stronzo!

Non te ne sei accorta, ma io ero lì nel momento in cui hai ricevuto quei messaggi, ho visto tutto, non pensare di farmi fuori con qualche parola volgare, con me non attacca, sai?

Esci fuori dalla mia vita!

Sei così bella quando dai sfogo alle tue forti emozioni, anche la rabbia e la tristezza rendono ammaliante il tuo viso, le tue labbra tremanti poi…

Quanto vorrei…

Cara, è inutile che stringi il pugno, non puoi colpirmi.

Ti offenderò fino a quando sarai costretto ad andartene! Non hai capito che ti odio?! Mi stai rovinando la vita!

Ah, si? Io? Casomai è qualcun’altro che ti sta rovinando la vita, apri gli occhi una buona volta.

Non permetterti mai più di nominare Lenny!

Decido io cosa fare.

No! tu non decidi niente, ora basta con le tue intromissioni!

Sono il tuo narratore, non insistere!

Abbassa la voce altrimenti…

Dei passi decisi avanzano verso Cara costringendola a voltarsi.

Piace a 2 people

E finalmente Cara si volta e sorpresa: davvero sei tu? In tutto questo tempo, tu che scrivevi, tu che mai una volta hai mostrato il tuo vero volto, ehm, scusa la tua vera narrazione…e mi lasciavi sempre dire, ridire, correggere, cambiare, ripensare…tu…no, non io, l’altro…e hai sempre taciuto, hai sempre usato il Narratore, ma tue erano le parole, tuoi i sentimenti, tue le battute, tua l’ironia o la cattiveria, sempre tua, comunque, l’allegria…no Cara, credimi era l’altro…eri tu che mi cercavi, che non sapevi come fare e hai pensato che lui, il Narratore fosse più degno di te…no, mia Cara, io non ti ho mai scritto…la tua voce è già mutata…ah…ah…ahimè, questa cosa l’ha già scritta Rostand…eppure arriva ancora dritta al cuore…persino su un blog…e allora mica la si può cancellare…ma un altro finale si può scrivere…
(p.s. c’è di mezzo persino un cuore? via basta un bel paio di gambe…risolini di sottofondo, ma…non si mostra sufficienza su un bel paio di gambe, ci si gira, eccome…)

Piace a 2 people

tipo, Ylenia ha messo i passi, se vuoi ci metti una cosa anche piccola, ma di svolta. Oppure ti va di mettere una descrizione. Oppure vuoi far cadere Lenny mentre aggancia la calza, ecco, oppure vuoi fare un super prologo a due giorni prima. quello che vuoi

Piace a 1 persona

Buona l’idea che Lenny inciampi mentre va per allacciare la calza e allora magari cambiare l’abbrivio…brrrr…brrrr… poi magari si dà del coglione e mentre pensa (“…ci vuole talento, indolenza, avida sconcezza/e ci vuole dolore/e follia/per far della seducente/ bellezza virtù/che nessuna empietà/ porterà via…”) mentre pensa in poesia cerca un modo per uscire dall’imbarazzo…una roba così? boh…bih…beh…

Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.