Categorie
racconti racconti a puntate

Lenny, non si può (4)

– “No Lenny, davvero, questa sera non posso.”

Cara guarda nel vuoto e l’espressione è contrita. Con i denti si stacca una pellicina intorno all’unghia del dito medio che di seguito innalza con intento comunicativo.

Ce l’hai con me, cara?

– “Ho promesso alla vicina di assisterla durante la festa di compleanno. No che non sei invitato, ma ti pare?”

Oh che meraviglia! Tu e la vicina, che bocconcini gustosi!

Il dito medio si alza ancora e ancora, con fare quasi rivendicativo.

– “Sì, lo so, anche tu mi manchi, lo so…”

E una mano va a coprire la bocca silenziando il rumore dei baci, o forse di parole d’amore. Il cellulare è ora sul tavolo in attesa di un altro utilizzo e lei si piazza in mezzo alla stanza con piedi divaricati. Eccola fare un piegamento del busto in avanti in un’espirazione rumorosa e quasi animale.

Non devi limitarti, cara, sfoga pure il tuo turbamento. Lo so, sai, che eviti Lenny per tutela della privacy, ma non dovresti mantenere questo atteggiamento nei miei confronti, non sono un guardone qualsiasi, io sono il tuo Narratore, il creatore del tuo destino, capisci? Conoscerti è per me una missione. Solo così potrò decidere di te.

– Hai finito?

Sì, al momento.

– Io questa sera ho rinunciato a Lenny. Non gradisco essere condizionata a tal punto. Siamo 1 a 0 per te. Vorrei andare dalla vicina e non correre il rischio che ti vengano idee insane agendo su altri, quindi: tu farai qualcosa per me.

Mmm… un gioco. Mi piace.

Cara si toglie i pantaloni della tuta. Lo slip è floreale e di gusto; un tenue pizzo color rosa antico circoscrive il triangolo pubico.

– Ma la smetti di fare il porco?

Lo sai vero che prima o poi dovrò descriverti in un amplesso, cara?

– Eh? Col cazzo!

Certamente.

– No! Volevo dire… ma vaffanculo!

E raggiunge infuriata il bagno, ci si chiude a doppia mandata. Un ripensamento ed esce.

– Il gioco!

Son qui ad attenderti.

– Letterario!

Hai imparato a conoscermi, mio adorabile personaggio.

– Tu scegli il testo e io cosa ci devi fare. Ti ripresenterai solo quando avrai terminato.

Fantastico!

– Bene. Autore e titolo.

Ibsen: Spettri. È un libro piccino, eh eh eh.

– Devi fare una casa di bambola.

77 risposte su “Lenny, non si può (4)”

Silvia, ti ringrazio per aver preso tempo, hai avuto lo sguardo alla distanza che ora non mi posso permettere, sono in pieno gorgo 😀 sono felicissima ti piaccia e che qualcuno parteggi per il personaggio! Su Lenny non ho ancora avuto testimonianze di stima… ma non si può dire fino alla fine 😉

"Mi piace"

scusa, sono tonta, Lenny ancora direi che si è visto poco difficile farsi un’opinione, quello assillante e decisamente antipatico è il narratore 😛

Piace a 1 persona

eh sì, il narratore onniscente ha un sacco di difetti, come ogni buon narratore che si rispetti, il problema è che fatica a riconoscerli apertamente 😀

"Mi piace"

Ora mi inizia davvero ad intrigare (anche se non riesco a visualizzare gli slip floreali … mi vengono a mente gli slip da bambini ed il pathos erotico mi crolla). Mmmhhh il
triangolo depilato o no? Questione niente affatto secondaria, perché se un tempo erano i peli a tirare ora tira la loro mancanza (e qui si aprirebbe il capitolo di come una cosa che non c’è possa esercitare un’attrazione, in barba alla teoria della relatività.

Piace a 1 persona

Oh che questione fondamentale… Dunque, nell’intento è uno slip floreale con bordi di pizzo rosa antico, naturalmente in tinta con qualche fiore, ma anche in assoluto contrasto. Il tessuto dello slip qualcosa fa e così i colori… Esistono floreali molto sexy, in genere su sfondo nero (questo per aiutarti a uscire dalla visione creata…). Poiché l’immaginazione del lettore è sovrana e al momento il narratore non ha controllato la presenza o meno del morbido cuscino, direi che puoi fare come ti pare 😃
Per quanto riguarda l’attrazione per ciò che non c’è direi che l’argomento mi è assai caro: per ora sviluppato tramite la presenza/assenza di Lenny, più avanti anche attraverso altre forme di presenze/assenze (peli magari!
😆) 😉

Piace a 1 persona

Ma va’a sei molto creativa: avrai idee migliori. 😉
Ti ricordo che ne caffè mi ci stavi mettendo il sale… E di proposito. 😁🤣🤣 Io la guardo a seconda dell’umore. Era solo per dirti che pare che stiano dando dando un film ‘monello’. 😆 Io sto registrando il film di Guadagnino su Rai3 ma lo guarderò in un altro momento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.