Categorie
racconti racconti brevi

Di voci e di mano

Nero. La palpebra sbatte.

Il fiuto non aiuta e l’udito banchetta. Una voce –ciao– un’altra voce –vieni– un sussurro –segui– il lamento. E via ancora. Una voce –io– un’altra voce –segui– un sussurro –ferma– il lamento.

Il nero e le voci. Insieme. Il volume in spessore riempie di pece, scomposto si torce sottile in ronzio, blocca il trigemino, immobilizza la lingua. L’odore va in acre e il respiro si appende.

La porta. La porta!

Al tocco della maniglia un frastuono alle spalle. Ahi!-Checcazzo fai!-La caviglia!-Ma sei scemo?-Bastardo!-Un dente, due denti! Aaaaah! Le ditaaaa!

E una mano le prende la mano.

54 risposte su “Di voci e di mano”

Anche l’agrimensore, però…

Un po’ come il Francy Petrarca, che se ne andava, solo e pensieroso, a misurare i campi a passi 🤣

Piace a 2 people

A parte il fatto che il commento di Claudio mi ha scatenato la ridanciana neverending…volevo dire una cosa seria: articolo FAVOLOSO! J’adore. Altro che Dior e Charlize Theron! 😉😍

Piace a 2 people

Lasciamo stare la questione…qui allerta meteo fino a domani, nero di pece a monte più della poesia di Pascoli dalle 15:30…la signorina è eclissata e per non far torti a nessuna, pure tutte le stelle!
(❤❤❤)

Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.