Categorie
partnership regaloni

La tristezza

Polesine – opera di Marco Rosellini

Questo Regalone mi è particolarmente caro poiché è testimone della volontà di ALESSANDRO GIANESINI di esplorare l’insolido sentiero che porta a luoghi muti e urlanti: le emozioni.

Gli sono grata per aver deciso di condividere così tanto.

Il percorso è iniziato con il racconto LA RABBIA, che ho avuto l’onore di ospirare in questo spazio in anteprima; ora è di ritorno a casa.

(ALE, GRAZIE)


Lo schermo è scuro, buio, immoto: nessun led che lampeggia, nessun bip a indicarmi un sussulto di vita; scorro le e-mail, ma quest’oggi nemmeno lo spam sembra interessato a me.

Infilo il telefono in tasca e me ne esco per una passeggiata: la mente si arrovella senza tregua, senza lasciarmi nemmeno il tempo di godermi quell’alito di vento che fa viaggiare veloci le nuvole, che corrono libere almeno quanto i miei pensieri.

Il telefono vibra, trattengo il fiato, ma è solo il meteo che mi avvisa che oggi c’è il sole «Grazie tante, eh!» gli rispondo, ma ne approfitto per scorrere con le dita in cerca di altro: niente. Elimino la notifica, scuotendo il capo e ricominciando a rincorrere le mie preoccupazioni, anche se forse son loro a inseguire me, ovunque vada, ovunque volga lo sguardo.

Com’è che sono finito in questo circolo vizioso? Era una mattinata così piena di allegra ipocrisia, saluti, baci, messaggi e poi… e poi niente, come se fossi sparito dalla faccia della terra.

Ripasso mentalmente tutta la giornata e la mano si infila in tasca: giusto una sbirciatina. Niente.

Non c’è nemmeno un runner da salutare oggi? Han deciso tutti che devo essere solo? Va bene, lo accetto…

Sì, come no! Non riesco a essere sincero nemmeno con me stesso? Ci sto male, ma non posso far altro che aspettare, muovermi, guardare. Lo vorrei gridare al mondo quanto sto male, ma sono talmente giù di corda che non ho avuto nemmeno il coraggio di parlarne con i miei amici.

Una macchina! Sembra che mi stia salutando, ma poi mi accorgo che mi sta solo facendo segno di stare in parte perché sono finito in mezzo alla strada. Cos’è? Il subconscio che ha deciso che è meglio lasciar perdere tutto e finirla qui?

Mi fermo a guardare l’acqua di un fosso che scorre lenta, un paio di pesci che si allontanano seguendo la corrente e la carcassa di una nutria a pelo d’acqua, lì vicino.

Perché sono venuto da questa parte? Perché proprio questa strada? Per non incontrarti in centro o è perché era la strada che facevamo insieme la domenica dopo pranzo?

Tutte e nessuna, chiaro. Ma io sono ancora qui a rivivere quei sorrisi al mio fianco, quelle volte che mi indicavi un airone o quando mi facevi cambiare strada perché c’era un cane che abbaiava a un cancello.

Dove sono quelle giornate di sole mano nella mano? Solo nei miei ricordi, ma non sono caldi come gli abbracci e le coccole che ci scambiavamo.

Faccio dietrofront quando vedo la casa che ci piaceva tanto e su cui facevamo tanti progetti. Quei progetti ora che fine faranno? Non lo so, la casa è bella lo stesso, ma non è più la stessa senza immaginarmici dentro assieme a te.

Ci vuole mezz’ora per tornare alla civiltà e ogni singolo secondo è te che vedo in ogni fiore, in ogni albero, in ogni sagoma che scorgo in lontananza. Un attimo, quella non è la mia immaginazione: sei proprio tu.

Sei da sola, cammini spedita e mi vieni incontro: il cuore perde dei battiti, ma chi se ne importa. Stai sorridendo, non c’è dubbio e sorrido anch’io.

Quando siamo vicini sto per abbozzare un «Ciao» addobbato da un sorriso, ma vedo il cavo dell’auricolare e tu non stai certo parlando con me. La smorfia resta paralizzata sulle mie labbra, mentre da parte tua vedo solo un’occhiata sdegnata, come se l’avessi urtata per sbaglio.

Passo oltre, il sorriso è rimasto stampato sulla mia faccia, ma si spegne sotto il peso di una lacrima scivolata sulle labbra.

Guardo il telefono, quella chiamata non era certo per me…

101 risposte su “La tristezza”

Emozionante e verissimo. Stavo piangendo mentre leggevo, mi sento esattamente come il racconto, e…aspetto quella notifica da parte di una persona a me cara che…mi manca tantissimo… Grazie mille per la condivisione, mi sembrava di leggere nella mia anima ♥️

Piace a 6 people

Bisogna esaminare ogni cosa a trecentosessanta gradi: visto che lei esiste davvero, non è solo il parto di una mente prostrata dalla tristezza, è doveroso considerare anche il suo punto di vista. E lo sdegno che gli riserva la dice lunga su come devono essere andate le cose…

Piace a 3 people

…magari lui non le ha fatto del male, quantomeno non con intenzioni cattive; semplicemente, lei a un certo punto si è accorta di voler crescere in una direzione diversa, incompatibile alla direzione di crescita di lui. Lo sdegno con cui lo guarda, allora, sarebbe figlio un po’ del senso di colpa (lui tutto sommato ha sempre fatto del suo meglio) e un po’ dell’autodifesa, o della difesa del proprio diritto ad autodeterminarsi… questo per quanto riguarda la meta-arzigogolologia psicologica.
Per quanto riguarda i processi narrativi, Claudio, il tuo spunto è molto interessante e varrebbe la pena di esplorarlo secondo me.
Alessandro, sai che tra i tuoi scritti (quelli che finora sono riuscita a leggere) questo è quello che in assoluto mi piace di più? C’è un’attenzione nel tuo sguardo che supera lo schermo tra scrittore e personaggio e anche quello tra personaggio e lettore. Ci si scivola dentro con facilità, alcune cose le riconosci con un brivido, altre le scopri per la prima volta. Bellassai 😀

Piace a 4 people

Ahia, sempre più pressione… 😅
Comunque ora smetto: dopo le 24 ore non è più divertente lo scherzo 😉

Io proverò a cimentarmi in vari generi, anche se la produzione “letteraria” per adesso è solo in una direzione, ma chissà: magari una bella raccolta di racconti brevi magari ce l’avevo già in mente.

il tuo Alessandro! 😛
(minuscolo 😁🤣)

Piace a 3 people

Questi miei racconti si sentono a casa anche qui, sappilo. Soprattutto se gli si riserva cotanta accoglienza.
E poi, diciamo, da me, in mezzo agli orchi e alle nonnine cantastorie, un po’ si senton smarriti 😉
Mi fa piacere che sian regali graditi.
Comunque anche a me piacerebbe sapere, come al buon e saggio Claudio, cos’ha combinato il marrano… 🙄

Piace a 7 people

E infatti, quando poi si riacquista il senno (ovvero quando l’innamoramento passa) so’ cazzi amari.

Non bisogna confondere l’innamoramento con l’amore. Noi tendiamo sempre a mischiare le due fasi, preferendo la prima, ma l’innamoramento è solo una molla istintiva temporanea. È ciò che permette a ognuno la possibilità di amare. Poi il resto dobbiamo farlo noi.
E quello è l’amore.

Piace a 4 people

A dire il vero a me è capitato di incontrare le ex (non che ne abbia migliaia: 2), e ci siamo salutati stando molto bene insieme, nessun rancore, nessuna acredine.
Mi rendo conto non sia sempre così: anch’io all’inizio ci rimasi malissimo, ma il tempo cura ogni ferita.

Piace a 3 people

Eh vabbè ma non sai nemmeno goderti un complimento in santa pace!
E poi mi metti in bocca parole che non ho detto! … hem… dico solo che questo testo è più bellissimissimo degli altri testi belli. Il più più bello di tutti. Va bene, così?

Piace a 2 people

All’inizio ci ero proprio rimasto male che pensavo che lui c’aveva finito i giga!
E invece per fortuna era solo la fine di un rapporto lui & lei.
Che le donne sono così: prima si innamorano degli uomini e poi si arrabbiano che non ascolti mai! non ti ricordi niente! Tanto non capisci niente!

ma io l’ avevo detto che ero un uomo di sesso maschile, no un uomo di sesso femmina…
O no?
Non ho mai millantato di avere solo cromosomi ics…
O no?

Piace a 2 people

Rispondi a Sephiroth Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.