Categorie
spalloni

Roba buona (un mese prima)

«Cos’hai portato?»

«Roba buona.»

Lo zaino firmato è un totem sul tavolo. I due attendono che la voglia di mostrare e la voglia di vedere raggiungano l’acme, in sincrono.

«Apri.»

«Apro.»

Zip, mano a frugare, presa.

Ciò che compare impettito in parte allo zaino è un boccettino di vetro marrone.

«È questo?»

«Cinque gocce per due settimane.»

«E poi?»

«Poi ti sensibilizzi al segnale.»

«Quale?»

«Sangue. Perderai del sangue e sarai così avvertito dell’accadimento.»

«Figo…»

«Pazzesco vero?»

«E se mi ammalo come partecipo?»

«Non ti ammali, l’accadimento ha la priorità sul resto, nessuno può ammalarsi.»

«E come lo sai?»

«Succede sempre così, quando sei sensibilizzato al segnale non c’è spazio per altro. È prepotenza organica.»

«Prepotenza organica? Che roba è?»

«Roba buona.»

CONTINUA…

11 risposte su “Roba buona (un mese prima)”

Rispondi a endorsum Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.